La collina sottostante il Castello è accarezzata dal manto vitato che ne disegna i rilievi sino a congiungerla col sottostante bacino, anticamente utilizzato per l’approvvigionamento idrico.

I vigneti sono suddivisi in 7 appezzamenti, coltivati in modo uniforme a cordone speronato, la Vigna del Velo (dal nome della sovrastante cappella gentilizia dedicata alla Vergine del Velo), la Vigna del Castello, di sant’Anna, del Lago, dei Cipressi, del Piano e la Vigna Nuova.